Civile

Illecito lo scorporo per evitare le norme sui «collettivi»

di Giuseppe Bulgarini d’Elci

La scissione parziale realizzata da una società attraverso l’assegnazione a due società di nuova costituzione di altrettanti rami d’azienda, con redistribuzione della complessiva forza lavoro fra i tre soggetti giuridici, costituisce negozio in frode alla legge se, nell’arco di successivi 120 giorni, vengono realizzati plurimi licenziamenti per giustificato motivo oggettivo nei confronti di una moltitudine di dipendenti. La Cassazione osserva con due sentenze gemelle (numeri 19863 e 20620, quest’ultima depositata ieri) che, attraverso tale operazione, risulta ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?