Civile

Fallimento della società: danno per mala gestio senza automatismi

di Patrizia Maciocchi

Il danno per mala gestio imputabile all'amministratore unico della società fallita, per il mancato rinvenimento delle scritture contabili, non può essere calcolato in base alla differenza tra il passivo accertato e l'attivo liquidato in sede fallimentare. La Corte di Cassazione esclude la possibilità di automatismi nel calcolare il pregiudizio patrimoniale che, in caso come quello esaminato, non si può far coincidere con l'intero deficit dell'azienda. La Suprema corte, con la sentenza 24103, accoglie il ricorso dell'amministratore che aveva perso ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?