Civile

Il curatore risarcisce per il licenziamento illegittimo anche in assenza di prestazione

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il curatore fallimentare che sceglie di sciogliersi da un rapporto di lavoro pendente, deve farlo rispettando le norme sui licenziamenti individuali e collettivi. In caso di licenziamento illegittimo scatta, infatti, un risarcimento dei danni calibrato sulla retribuzione globale di fatto, dal giorno del licenziamento a quello del “reintegra”, anche se il rapporto era già sospeso come previsto dalla legge fallimentare (articolo 72) e non era possibile effettuare la prestazione. E proprio sull'impossibilità di maturare una retribuzione, per il “fermo” ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?