Civile

Legittimo destituire la toga che accetta favori da imputati

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

È legittima la destituzione del magistrato che accetta favori da imputati in processi pendenti presso la sue sede giudiziaria. La Corte costituzionale, con la sentenza 197, considera infondati i dubbi di costituzionalità sollevati dalla Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, rispetto alla norma (Dlgs 109/2006, articolo 12, comma 5)che fa scattare in automatico la massima sanzione disciplinare della rimozione, prevista dall'ordinamento delle toghe, per il magistrato che accetti prestiti o agevolazioni, come nel caso esaminato, che non possono ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?