Civile

Equa riparazione, giudice libero di valutare la temerarietà della lite

Francesco Machina Grifeo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Non scatta l'equa riparazione per l'irragionevole durata del processo se il richiedente era consapevole – fin dall'inizio, o da un certo momento in poi – della infondatezza delle proprie ragioni. Lo ha ribadito la Corte di cassazione, ordinanza n. 595 del 14 gennaio 2019, aggiungendo che «l'ipotesi di abuso del processo (di cui alla lett. a) e b) del comma 2-quinquies dell'art. 2 della legge n. 89 del 2001), non esaurisce l'incidenza della temerarietà della lite sul diritto all'equa ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?