Civile

Danno patrimoniale: no a domande frazionate se lucro cessante è quantificabile

di Paola Rossi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Le società proprietarie o noleggiatrici di apparecchi da gioco, che vengono prima autorizzatie poi messi fuori legge perchè "intrinsecamente funzionali al gioco d'azzardo" vietato, hanno diritto a lamentare il danno verso l'amministrazione competente che aveva prima rilasciato il nulla osta e poi apposto il divieto. Ma agiscono abusivamente nel processo, se con due distinte azioni giudiziali, chiedono prima il danno emergente e poi il lucro cessante, frazionando illegittimamente la domanda risarcitoria del danno patrimoniale. La Corte di cassazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?