Civile

Lite all’anagrafe e su Facebook: l’oltraggio al pubblico ufficiale costa 5mila euro

di Marisa Marraffino

Perdere la pazienza in coda all’ufficio comunale può costare caro. Lo sa bene un uomo di 27 anni della provincia di Pavia condannato a risarcire 5mila euro di danni al responsabile dell’ufficio anagrafe per averlo definito «maleducato» e «ignorante». La lite era iniziata allo sportello per il rilascio di una nuova carta di identità ed era finita su Facebook dove l’uomo si era sfogato sulla bacheca del Comune, apostrofando il capo ufficio dell’anagrafe come «una persona maleducata che ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?