Civile

L’assegno divorzile «a tempo» penalizza il coniuge più debole

di Giorgio Vaccaro

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L’ipotesi di riforma legislativa dei criteri per l’attribuzione dell’assegno divorzile, contenuta nella proposta di legge approvata alla Camera e ora in attesa di iniziare l’esame al Senato (atto Senato 1293), porta fuori dalle aule di giustizia la discussione su un tema molto dibattuto: vale a dire la funzione e la legittimità di questo onere economico, connesso alla fine del matrimonio. A riaffermarle è stata la sentenza 18287/2018 della Cassazione a Sezioni unite, ripresa dalla proposta di legge. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?