Civile

Nel sovraindebitamento il trust «ponte» non è frode

di Luca Boggio

In sede di ammissione alla procedura di liquidazione per sovraindebitamento (articoli 14-ter e seguenti della legge 3/2012) non costituisce “atto in frode” dei creditori l’atto istitutivo di un trust autodichiarato – cioè, con creazione del patrimonio in trust in capo al medesimo disponente che, pertanto, ne diviene anche trustee – se i beni inclusi sono messi a disposizione per la liquidazione nell’ambito di tale procedura, sostanzialmente rinunciando al vincolo di destinazione derivante dal ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?