Civile

Sì al compenso del coadiutore del curatore, anche se non iscritto all'albo

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il rapporto tra il curatore e il suo coadiutore non può essere considerato come una vera propria prestazione d'opera professionale. Per questo le prestazioni svolte non possono essere dichiarate nulle, ai fini del compenso, se il consulente non è iscritto ad un albo. La Corte di cassazione, con l'ordinanza 20193 depositata ieri, accoglie, applicando le norme in vigore all'epoca dei fatti, il ricorso della consulente contro la decisione della Corte d'Appello che, confermando la sentenza del Tribunale, aveva dichiarato ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?