Civile

Sì al licenziamento del bancario che viola l'antiriciclaggio anche se assolto in sede penale

Sì al licenziamento dell'impiegato di banca che non rispetta le norme antiriciclaggio omettendo la segnalazione di numerose operazioni sospette. In particolare, il bancario avrebbe violato la legge che contrasta i reati finanziari in relazione alla posizione sospetta di tre società gestite da un prestanome di un clan mafioso. Ininfluente così ai fini della revoca del provvedimento dell'istituto di credito l'assoluzione dal reato di favoreggiamento con la formula «perché il fatto non sussiste» ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?