Civile

"Rafforza interessi mafiosi", tra politici non scatta la diffamazione

Francesco Machina Grifeo

La Cassazione, sentenza n. 21786 di oggi, ha respinto, applicando «l'esimente del diritto di critica politica», il ricorso di Salvatore Cuffaro per il risarcimento dei danni a causa della presunta diffamazione subita da Giusto Catania, sua avversario politico mentre era Presidente delle Regione Sicilia, che lo aveva accusato (in interviste e comunicati stampa) di rafforzare con le sue scelte «un blocco di interessi espressione di un potere affaristico-mafioso». Non solo, smpre per Catania, con Cuffaro si sarebbe «tornati indietro ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?