Civile

L'ingerenza del Comune nell'esecuzione dei lavori non basta a esentare l'appaltatore

di Paola Rossi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Sbaglia il giudice se condanna soltanto il Comune, a risarcire il privato per i danni conseguenti ai lavori eseguiti in appalto, senza verificare il comportamento dell'appaltatore e basandosi solo sulla circostanza di diverse ingerenze del committente pubblico nella fase esecutiva. Anzi - come spiega la Cassazione con l'ordinanza n. 22068 di ieri- per regola generale l'appaltatore è tenuto all'intera garanzia a meno che non dimostri di aver operato a regola d'arte e segnalato al committente i difetti dell'opera ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?