Civile

Separazioni, casa familiare assegnata alla madre e alle figlie anche se l’hanno lasciata tre anni prima

di Giorgio Vaccaro

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L’assegnazione della casa coniugale - o della casa familiare nel caso di coppie non sposate - deve seguire il principio della “miglior tutela” dei figli minori. Proprio applicando questo principio, il tribunale di Rovereto, con la sentenza 180/2019 del 9 luglio (presidente e relatore Dieni), ha assegnato la casa familiare alla moglie collocataria delle tre figlie minori, benché questa l’avesse lasciata volontariamente e, con le figlie, avesse vissuto altrove per tre anni. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?