Civile

Per provare i pagamenti in contanti tra parenti basta il testimone

di Antonino Porracciolo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Basta il testimone per provare il pagamento di denaro in contanti da nipote a zio. In questo caso, infatti, lo stretto rapporto di parentela può indurre il debitore a non chiedere la firma di un atto scritto con quietanza liberatoria al momento del versamento di quanto dovuto. Così, in caso di successiva controversia, la prova dell’esborso può esser data anche con una testimonianza, pure in deroga ai limiti previsti dall’articolo 2721 del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?