Civile

Possibile chiudere il contratto anche con abusi non condonati

di Adriano Pischetola

L’ordinanza della Suprema Corte n. 22168/2019 fa chiarezza sulla possibilità, in caso di inadempimento di un contratto preliminare avente a oggetto un immobile affetto da difformità - sanabili ma non condonate - rispetto al progetto edilizio: di ottenere comunque l’esecuzione dell’obbligo di concludere il contratto (articolo 2932 del Cc, cosiddetta esecuzione in forma specifica) pur a fronte delle difformità rilevate, non costituendo esse una causa di “incommerciabilità” e quindi di illiceità dell’oggetto; ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?