Civile

Rumori, la testimonianza non basta

di Giulio Benedetti

Il condòmino può testimoniare per il rumore ma non sempre è creduto. Quando nasce un contenzioso sulla «soglia di tollerabilità» va ricordato che questa va stabilita dal giudice, contemperando le esigenze della produzione con quelle della proprietà; ma la molestia rumorosa non può essere accertata in modo arbitrario. Vale a dire che il giudice, per emettere la sentenza, può basarsi sulla prova testimoniale dei danneggiati, purché la loro deposizione risponda a criteri di verità e di obiettività e ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?