Civile

L'amministratore di sostegno può decidere stop cure senza Dat in assenza di contrasti

Francesco Machina Grifeo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Con una decisione innovativa, depositata il 23 settembre scorso, il Giudice Tutelare del Tribunale di Roma, ha ritenuto che l'Amministratore di sostegno con la rappresentanza esclusiva in ambito sanitario, anche in assenza di un testamento biologico, una volta ricostruita la volontà dell'amministrato in via presuntiva, ed in assenza di pareri contrari (di parenti e del medico), possa decidere di rifiutare le cure senza dover tornare davanti al giudice. E lo ha fatto emanando una decisione di «non luogo a ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?