Civile

Indigenti, lo Stato anticipa anche le parcelle dei periti

di Selene Pascasi

Compensi anticipati direttamente dall’Erario, in caso di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, anche per notai, consulenti o custodi che abbiano svolto la loro attività in favore di parti indigenti. Lo stabilisce la Corte costituzionale (sentenza 217/2019, relatore Carosi) dichiarando l’illegittimità dell’istituto della prenotazione a debito previsto dall’articolo 131, comma 3, del Testo unico sulle spese di giustizia (Dpr 115/2002). Norma che, quindi, va disapplicata nella parte in cui prevede che gli onorari e le indennità dovuti ai ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?