Civile

Intermediazione: la mancanza di forma scritta gioca a favore dell'investitore

Giampaolo Piagnerelli

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Le Sezioni Unite della Cassazione sciolgono il nodo relativo alla mancanza della forma scritta nei contratti di investimento. Intermediario-investitore. E allora (sentenza n. 28314/19) viene esplicitamente chiarito che la nullità per difetto della forma scritta prevista dall'articolo 23, comma 3 del Dlgs 58/1998 può essere fatta valere esclusivamente dall'investitore con la conseguenza che gli effetti processuali e sostanziali dell'accertamento operano solo a suo vantaggio. L'intermediario, tuttavia, ove la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?