Comunitario e internazionale

Cgue: richiedente asilo, no a test psicologico su omosessualità

Francesco Machina Grifeo

La Corte Ue, sentenza nella causa C-473/16 del 25 gennaio, ha bocciato il ricorso a test psicologici per accertare l'orientamento sessuale di un richiedente asilo. Per i giudici di Lussemburgo un simile metodo configura un'ingerenza sproporzionata nella vita privata del richiedente. Nell'aprile 2015, un cittadino nigeriano aveva presentato alle autorità ungheresi una domanda di asilo, dichiarando che temeva di essere perseguitato nel suo Paese a causa della propria omosessualità. La richiesta venne però rigettata perche la perizia psicologica non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?