Comunitario e internazionale

Facebook: Corte Ue, no a class action per violazione privacy

Francesco Machina Grifeo

L'avvocato austriaco Maximilian Schrems non potrà agire in giudizio contro Facebook a nome di altri utenti (in tutto ha raccolto 25mila deleghe) per intentare una maxi azione giudiziale contro il social network per violazione della privacy. La Corte Ue, con la decisione di oggi, sentenza nella causa C-498/16, ha infatti stabilito che Schrems può proporre soltanto un'azione individuale contro Facebook Ireland in Austria ma che, quale cessionario di diritti di altri consumatori, in questo caso altre sette persone, non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?