Comunitario e internazionale

Non è sufficiente la denominazione «glen» a evocare il whisky scozzese

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Per determinare la sussistenza di una «evocazione» vietata dal diritto dell'Unione, il giudice nazionale deve verificare se, in presenza di un prodotto simile recante la denominazione «Glen», al consumatore venga direttamente in mente l'indicazione geografica registrata «Scotch Whisky». Lo ha deciso la Cgeu con la sentenza 7 giugno 2018 causa c-44/17. I giudici hanno precisato che non è sufficiente che la denominazione possa suscitare, nella mente del consumatore interessato, una qualsivoglia associazione d'idee con l'indicazione protetta o con la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?