Comunitario e internazionale

Anche le controllate estere nel pro rata di detrazione Iva

di Matteo Mantovani, Benedetto Santacroce

La società madre di un gruppo multinazionale che opera all’estero avvalendosi di stabili organizzazioni può determinare il proprio prorata di detrazione Iva considerando anche il volume d’affari realizzato da tali succursali estere. È questa una delle implicazioni che sembrerebbero discendere dalla sentenza della Corte Ue C-165/17, Morgan Stanley. Quanto sopra implica che, se le stabili organizzazioni realizzano un volume d’affari connesso ad operazioni che danno diritto a detrazione per un ammontare superiore a quello della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?