Comunitario e internazionale

Contrabbando, Italia condannata per non aver riscosso il debito doganale in attesa del processo penale

Francesco Machina Grifeo

L'Italia è stata condannata dalla Corte Ue, sentenza nella Causa C-304/18, perché non ha riscosso nel termine di 5 anni il debito doganale, stimato in oltre 2mln di euro, di un contrabbandiere di sigarette per attendere l'esito del processo penale. La procedura doganale, spiegano i giudici di Lussemburgo, contrariamente a quanto sostenuto dall'Italia, non è subordinata all'esito dell'eventuale procedimento penale. Di conseguenza, prosegue la decisione, poiché le autorità italiane hanno atteso l'esito del procedimento penale avviato, che si è ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?