Comunitario e internazionale

Il rapporto cliente-avvocato non può essere messo a rischio dall’indagine

di Marina Castellaneta

Gli avvocati svolgono un ruolo centrale nell'amministrazione della giustizia e, di conseguenza, le autorità nazionali inquirenti non possono procedere all'acquisizione di dati, anche se criptati, che metta a rischio il rapporto di fiducia cliente-avvocato, compromettendo il segreto professionale. E questo anche quando la polizia sta svolgendo indagini su un socio di uno studio legale. Lo ha scritto la Corte europea dei diritti dell'uomo nella sentenza del 3 dicembre nel caso Kirdök e altri contro Turchia(ricorso ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?