Parlamento e giustizia

Prestipino: «Sulle nuove mafie serve un confronto ma senza esitazioni»

di Serena Uccello

Lo scorso luglio il tribunale di Roma respinge l’aggravante dell’associazione mafiosa per l’inchiesta mediaticamente conosciuta come “mafia capitale”. Il senso è che, fuori dall’alveo delle mafie cosiddette tradizionali (cosa nostra, ’ndrangheta, camorra e sacra corona unita), ai gruppi criminali - per quanto si adoperino con dinamiche mafiose - non si può contestare il reato associazione mafiosa. Nei giorni scorsi il tribunale di Ostia accoglie invece questa aggravante. È una questione «su cui abbiamo pochi punti solidi a cui ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?