Penale

Nelle tentate lesioni aggravate rientra in automatico lo stalking se si procede d’ufficio

di Giampaolo Piagnerelli

A carico del soggetto condannato a un anno e quattro mesi per tentate lesioni aggravate nei confronti di una donna per averle messo del veleno nella bottiglia dell'acqua deve sussistere anche il riconoscimento del collegato delitto per stalking. Lo precisa la Cassazione con la sentenza n. 50018/2017. La Corte ha chiarito che per poter includere il reato ex articolo 612-bis del codice penaleè stato necessario applicare al delitto tentato le medesime regole valide per quello consumato. E allora ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?