Penale

Indebita percezione e non truffa per chi percepisce la pensione del papà morto

Francesco Machina Grifeo

La mancata comunicazione all'ente previdenziale della morte del titolare della pensione, con il conseguente versamento sul conto corrente dei ratei pensionistici anche successivamente al decesso, non integra il reato di «truffa aggravata» bensì quello più mite di «indebita percezione di erogazioni in danno delle Stato», punito soltanto con una sanzione amministrativa per indebiti sotto i 4mila euro. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 55525 del 13 dicembre. I giudici di legittimità hanno così accolto il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?