Penale

Più semplice intercettare nei reati di corruzione

di Alessandro Diddi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Più semplice usare le intercettazioni nei procedimenti per corruzione, concussione e peculato. È l’effetto dell’articolo 6 del decreto legislativo 216/2017, che ha previsto (richiamando l’articolo 13 del decreto legge 152/1991) l’estensione alle inchieste a carico di pubblici ufficiali indagati per i più gravi reati contro la pubblica amministrazione (puniti con la reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni) delle condizioni e dei presupposti già previsti per l’utilizzo di questo mezzo di ricerca della prova nei procedimenti relativi ai ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?