Penale

Giornalisti: la Suprema corte precisa i limiti in caso di sequestro e perquisizione

di Giuseppe Amato

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

 L’attività svolta dal giornalista impone, anche ai fini della legittimità di provvedimenti di perquisizione e sequestro, il rispetto dei limiti indicati dall’articolo 200, comma 3, del Cpp in tema di prova testimoniale, e cioè l’“indispensabilità” della rivelazione della fonte informativa ai fini della prova del reato per cui si procede, nonché l’impossibilità di accertare altrimenti la veridicità della notizia in possesso del perquisito. Inoltre, la peculiare attività del giornalista implica la necessità di valutare con particolare rigore la “proporzione” ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?