Penale

È peculato appropriarsi degli onorari per l’attività intramoenia non autorizzata

di Paola Rossi

Il medico ospedaliero che percepisce compensi dai pazienti per visite ”intramoenia”, ma senza formale autorizzazione e senza versare un euro alla struttura pubblica, commette peculato. La Corte di cassazione con la sentenza n. 25976 depositata ieri ha riconosciuto la legittimità della condanna a due anni al cardiologo per essersi appropriato di denaro pubblico - cioè la quota che normalmente andrebbe riversata al datore di lavoro. Il medico, sottolineava che i fatti imputatigli erano precedenti la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?