Penale

Solo il recupero e il vaglio di conformità rendono i fanghi di dragaggio non più rifiuti

di Paola Rossi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La mancata attivazione dell’intera procedura di recupero dei fanghi di dragaggio impedisce di farli uscire dall’impianto di trattamento come se fossero merci e non più rifiuti. Così la Corte di cassazione con la sentenza n. 29652 depositata ieriha annullato con rinvio l’ordinanza che aveva confermato il diniego del Gip a procedere al sequestro preventivo dell’impianto di recupero. Infatti, secondo la Cassazione sussisterebbe il fumus commissi delicti che giustifica l’applicazione della misura cautelare reale per il reato previsto dall’articolo 256 ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?