Penale

La contestazione della nuova aggravante non blocca la messa alla prova

di Patrizia Maciocchi

L’imputato può chiedere la messa alla prova anche se nel corso del dibattimento il pubblico ministero gli contesta un’aggravante già presente negli atti di indagine. La Corte costituzionale (sentenza 141) bolla come illegittimo l’articolo 517 del Codice di procedura penale, per la parte in cui, in seguito alla nuova contestazione di una circostanza aggravante, non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento la sospensione del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?