Penale

No alla legittima difesa se si accetta una sfida evitabile

di Patrizia Maciocchi

Non può invocare la scriminante della legittima difesa chi accetta una sfida, o reagisce a una situazione di pericolo volontariamente determinata, o alla quale ha concorso malgrado la possibilità di allontanarsi dal luogo «senza pregiudizio e senza disonore». La Corte di cassazione (sentenza 33707) detta un principio di diritto generale che circoscrive i limiti entro i quali può essere invocata la scriminante prevista dall’articolo 52 del Codice penale. La Suprema corte conferma la condanna ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?