Penale

Peculato per il consigliere provinciale che usa le risorse del Gruppo consiliare per fini personali

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il membro del Consiglio provinciale che utilizza i contributi di cui ha la disponibilità in ragione del proprio ufficio per il soddisfacimento di finalità diverse da quelle istituzionali, regolate da norme di tipo pubblicistico, commette il delitto di peculato. L'articolo 314 c.p., infatti, punisce anche le condotte distrattive, ovvero quelle con le quali il pubblico ufficiale imprime al bene pubblico una destinazione diversa da quella prevista. Inoltre, al fine dell'esclusione della configurabilità del reato, non rileva il versamento spontaneo ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?