Penale

Reati ed esimenti: la convivenza di fatto è equiparata alla famiglia e all'unione civile

di Pietro Alessio Palumbo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Agli effetti della legge penale s'intendono per prossimi congiunti gli ascendenti, i discendenti, il coniuge, la parte di un'unione civile, i fratelli, le sorelle, gli affini, gli zii e i nipoti. Ebbene ai sensi dell'articolo 384 c.p. non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé stesso o un prossimo congiunto da un danno grave. Operando una interpretazione di diritto vivente della norma, la Corte di Cassazione, sentenza n°11476/2019, in tema ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?