Penale

Carcere duro: esclusa la videoconferenza per i colloqui con i familiari

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il tribunale di sorveglianza non può autorizzare i colloqui visivi con un congiunto attraverso la videoconferenza, per il detenuto sottoposto al carcere duro previsto dal 41-bis. Spetta, infatti al legislatore, in virtù delle nuove tecnologie prevedere o meno questa opportunità, dopo aver analizzato che non ci siano i rischi per la sicurezza interna. La Cassazione, con la sentenza 16557, accoglie il ricorso del ministero della Giustizia contro l'ordinanza con la quale il magistrato di sorveglianza aveva dato il via ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?