Penale

Stalking: la volontà della vittima di riprendere la relazione non evita il carcere cautelare al persecutore violento

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La presunta volontà della persona offesa di riallacciare la relazione “sentimentale” con lo stalker e di rimettere la querela, non fa venire meno l'esigenza del carcere cautelare per il persecutore violento. La Corte di cassazione, con la sentenza 36307, accoglie solo in parte il ricorso dell'uomo, accusato di violenza sessuale e di stalking, che chiedeva la revoca dell'ordinanza. I giudici della terza sezione penale, accolgono il punto relativo alla violenza sessuale, in virtù della ritrattazione della sua ex, che ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?