Penale

No al pc portatile in carcere se il difensore non dimostra l'assenza di strumenti alternativi

di Paola Rossi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Non è affatto scontato l'accesso del difensore - munito di computer - al colloquio in carcere con il suo assistito. Ma non è neanche vietato, perché può essere autorizzato. Ciò che rileva è l'impossibilità di utilizzare mezzi alternativi all'uso di un pc portatile e questa va dimostrata. Sono quindi fondamentali le motivazioni addotte dal legale - che chiede di poter introdurre in carcere lo strumento informatico - a sostegno delle esigenze di una piena difesa della persona ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?