Penale

Bancarotta post fallimentare per distrazione, no alla condanna senza distinzione costi-ricavi

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Per far scattare il reato di bancarotta post fallimentare per distrazione non basta che il fallito abbia utilizzato i proventi dell'attività lavorativa senza aver chiesto e ottenuto il via libera dal giudice delegato per le somme che aveva il diritto di trattenere. La materialità del fatto di bancarotta per distrazione richiede, infatti, la concreta sottrazione delle somme, che superino il limite massimo previsto dalla disciplina sul fallimento. Di conseguenza, in assenza di una determinazione da parte del giudice delegato ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?