Penale

La prescrizione non esime il giudice da accertare se il testimone ha detto la verità

di Paola Rossi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La verità di quanto espresso dal testimone è alla base dell'esimente della diffamazione agita nell'adempimento di un dovere. Infatti, se si appura che il testimone ha mentito, venendo meno al dovere di dire la verità, la causa di non punibilità non scatta determinando l'irrilevanza penale delle affermazioni diffamatorie. Così la Corte di cassazione, con la sentenza n. 16896di oggi ha dichiarato carente la sentenza che nel constatare la prescrizione del reato di diffamazione contestato aveva totalmente mancato di accertare ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?