Penale

Il nodo della configurabilità sul tentativo di reato fiscale

di Antonio Iorio

Le nuove ipotesi di tentativo di dichiarazione fraudolenta e dichiarazione infedele, introdotte con il decreto di recepimento della direttiva sulla tutela penale degli interessi finanziari Ue, approvato dal Consiglio dei ministri nella serata del 6 luglio (si veda «Il Sole 24 Ore» dell’8 luglio) non sembrano, in pratica, agevolmente configurabili. Le novità, per quanto attiene la normativa penale tributaria riguardano due profili: introduzione del delitto tentato per alcuni reati tributari; estensione ad altri reati ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?