Professione

Avvocati, lo Stato risarcisce se non abilita il legale di un paese Ue

Francesco Machina Grifeo

Sì al danno patrimoniale (quantificato in 75mila euro) ma non a quello reputazionale (non patrimoniale) per l'avvocato tedesco che negli anni novanta, per un quinquennio (1994-99), non ha potuto esercitare la professione in Italia perché all'epoca la legge vigente lo vietava, contrariamente a quanto previsto dalla direttiva comunitaria 48/89/CEE sul reciproco riconoscimento dei titoli di studio. Al legale infatti era stata negata l'iscrizione all'albo subordinandola all'espletamento di una prova attitudinale. Il professionista inoltre era stato sottoposto a diversi procedimenti ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?