Civile

Revoca del concordato: il credito dell’attestatore ha comunque la priorità

di Patrizia Maciocchi

Anche se l’ammissione al concordato viene revocata, il credito del professionista che ha redatto la relazione (imprescindibile per l’apertura dell’iter) va ammesso in prededuzione. La Corte di cassazione, con la sentenza 12017 del 17 maggio scorso, ha negato che il riconoscimento della natura prededucibile del compenso dovuto all’attestatore sia subordinato al concetto di effettiva utilità per la massa dei creditori, anziché alla «indispensabilità» dell’attestazione per l’apertura del procedimento. I giudici hanno quindi respinto il ricorso del curatore, che aveva ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?