Professione

Per lo smart working sempre richiesto un accordo scritto

di Alessandro Rota Porta

Anche negli studi professionaliè possibile ricorrere allo smart working, per quelle strutture che intendano, in parte, superare le logiche tradizionali del lavoro subordinato, come il luogo e l’orario della prestazione lavorativa definiti e invariabili. È stata l’approvazione del Jobs act del lavoro autonomo a fornire una cornice normativa per questa nuova modalità di svolgimento dell’attività lavorativa. Pur riferendosi a una particolare declinazione del rapporto di lavoro subordinato, lo smart working non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?