Professione

Avvocati all’attacco: troppi tradimenti all’equo compenso

di Antonello Cherchi

Incarichi conferiti attraverso la modalità del beauty contest, con conseguente gioco al ribasso degli onorari. Oppure mediante convenzioni che prevedono compensi unitari. O, ancora, prestazioni pagate con i soldi delle spese giudiziarie liquidate dal giudice, prospettiva che però deve mettere in conto la vittoria della causa. Ci sono, poi, le richieste “accessorie” all’incarico, come la predisposizione di pareri o di attività di consulenza stragiudiziale, le spese di trasferta o quelle dell’eventuale domiciliatario accollate per intero ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?