Nessuna responsabilità se il coinquilino fuma cannabis

LA DOMANDA Sono uno dei tre conduttori di un contratto di locazione abitativa per studenti universitari: deteniamo l'intero appartamento e non le singole stanze, e siamo eventualmente obbligati in solido qualora qualcuno non adempia alle prestazioni dovute. La scorsa notte ho sentito un forte odore di marijuana provenire dalla stanza di un coinquilino: mi chiedo cosa potrebbe accadere a me e alla terza inquilina qualora costui detenesse elevati quantitativi di droga o addirittura ne praticasse la coltivazione e fosse rintracciato dalle forze dell'ordine per qualunque motivo. Potrei, in qualche modo, essere considerato una sorta di complice (specifico: al momento ho solo sentito l'odore derivante dalla combustione della cannabis), visto anche il contenuto del contratto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?