La rinuncia all'eredità dal notaio o dal cancelliere

LA DOMANDA Da qualche giorno è venuto a mancare il padre di mio marito, il quale oltre dieci anni fa ha fatto una donazione di casa e terreno all'altro figlio convivente (donazione da noi poi scoperta). Abbiamo avuto notizia per vie traverse dell'avvenuta morte di mio suocero, perché l'unico familiare con lui convivente (mio cognato, appunto) non ci ha fatto sapere nulla. Mio marito verrà contattato da qualcuno per l'ufficialità della morte e l'apertura dell'eredità? Inoltre, egli non intende accettare l'eredità per motivi personali. Ci sono dei tempi per andare da un notaio e mettere nero su bianco questa volontà? Deve muoversi lui per primo anche in assenza di comunicazione da parte di un notaio o altri, oppure deve attendere?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?