Niente rimborso per chi esegue i lavori in autonomia

LA DOMANDA Il soffitto della veranda della mia cucina presenta delle macchie di umido causate da infiltrazioni d'acqua piovana, avendo i proprietari del piano di sopra provveduto a sigillare internamente la base del loro balcone verandato. L'amministratore non ha dato seguito alla domanda di convocare i quattro condòmini della verticale interessata. In seguito a una perizia che ho fatto eseguire da un architetto è risultato che sulla parete esterna del fabbricato, all'altezza del pavimento della veranda dell'appartamento sovrastante, in corrispondenza dei montanti della ringhiera, c'è discontinuità del materiale sigillante che forma la guaina esterna e che, sotto il davanzale, che sporge dal pavimento, vi sono diverse piccole fessure e manca l'intonaco protettivo. Essendo l'unica condomina ad aver subito un danno, posso effettuare a mie spese i lavori necessari previa notifica via Pec all'amministratore e via mail agli altri tre condomini?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?